Raffaele Califano

Horizontal

Dialogues

Raffaele Califano - batteria

Antonio Magli - pianoforte

Francesco Pierotti - contrabbasso

Special Guest 

SEAMUS BLAKE - sax

"Horizontal Dialogues", il titolo scelto per questo album dal batterista e compositore Raffaele Califano, racchiude in nuce una molteplicità di significati diversi. Rievoca il dialogo inter paris che dà vita alla musica più ispirata, come è ovvio che sia, ma allo stesso tempo richiama la dimensione empatica delle relazioni umane che si instaurano nei contatti interpersonali, “quella necessità al dialogo che nasce tra le persone di qualsivoglia provenienza”, come afferma Califano. “Le voci di noi artisti si elevano al ruolo di note musicali e la musica le unisce, fondendole in un’unica armonia. Non sempre ciò si verifica e tuttavia ne sentiamo un crescente bisogno”. (...)

 

David R. Adler

New York, febbraio 2017

Raffaele Califano Quartet

scroll

Raffaele Califano Quartet, _Brush Up_

Brush Up

Raffaele Califano - batteria

Antonio Magli - pianoforte

Simone Alessandrini - sax alto, sax soprano

Carmine Iuvone - contrabbasso

Special Guest 

FABRIZIO BOSSO - tromba

"Il viaggio musicale di Brush Up inizia con Reset: nei pochi minuti iniziali, occupati da questo minimale frammento improvvisativo, il quartetto del batterista Raffaele Califano sembra subito voler manifestare la voglia di concepire una musica gioiosa, energetica, autentica e di indubbia qualità.

Il linguaggio che si utilizza come pretesto dell’improvvisazione è quello dichiaratamente più proprio alla tradizione jazzistica: esposizione tematica, improvvisazione ed i consueti scambi tra batteria e strumenti solisti scorrono fluenti e senza ostentare orpelli e pomposità introduttive. La musica di Califano non è criptica e non si confina in una turris eburnea autoreferenziale, ma si muove liberamente in una poetica in cui il lirismo dei temi prende il sopravvento sulla voglia di ricercare a tutti i costi l’inaudito e la forzosa rottura della convezione. Non aspettatevi quindi da questo disco dei sofismi sovrastrutturali  al contrario di quanto ultimamente accade in molto altri lavori discografici - etichettati come Jazz - spesso (purtroppo) impiegati col fine di mascherare e nascondere grandi lacune compositive e tecniche". (...)

Raffaele Califano Quartet

scroll